NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand

Wood Works

La maggior parte delle discussioni riguardanti i ​​legni utilizzati per costruire una chitarra acustica si concentrano sulle tavole e sulle fasce, ma, naturalmente, ci sono molti più componenti in legno in una chitarra. In alcune chitarre acustiche, tutto, tranne i tasti, le meccaniche, le corde e il trussrod sono in legno. Non è insolito per una chitarra includere più di una mezza dozzina di differenti tipi di legno, soprattutto se i filetti e il batti-penna sono in legno, piuttosto che da un materiale sintetico come la plastica. Questa tradizione si perde nei secoli, molti dei padri della chitarra moderna, come il liuto, venivano interamente costruiti in legno, con l'eccezione delle corde, dei tasti, e una leggera verniciatura in gommalacca.

Nel prendere un inventario delle essenze che sono ampiamente utilizzate nella costruzione di chitarre acustiche, inizieremo dalla paletta poi il manico e giù verso il corpo, che termina in corrispondenza del blocco di coda in cui è ancorata. Dal momento che i legni utilizzati nelle chitarre contemporanee stanno già cambiando, siamo quasi certi di vedere nuove specie di legni in futuro.

WW 01


Neck Wood

I manici delle chitarre sono di solito fatti di mogano del Sud America, conosciuto anche come "genuino" o mogano dell'Honduras. Questo legno è predominante nella produzione nordamericana di chitarre da prima del 1900, perche’ e' facile da intagliare e incredibilmente stabile.

Un altro favorito, soprattutto nel 19 ° secolo, era il cedro spagnolo, che viene anche dal Sud America (spesso Perù). C.F. Martin ed i suoi discendenti utilizzarono il cedro spagnolo fino a circa il 1917 e iniziarono ad utilizzare altri legni nel 1999. Entrambi i legni sono stati preferiti per i manici delle chitarre classiche da tempo immemore e la loro leggerezza consente un buon equilibrio su tali strumenti. Le forniture di entrambi questi legni sudamericani sono in diminuzione, tuttavia il mogano e il cedro sono ancora i legni più utilizzati per i manici delle chitarre, probabilmente avremo qualche problema in un futuro non troppo lontano.

ww 03

Manico in Mogano Honduras.FVguitars.

Anche l’acero è ampiamente usato per i manici di chitarra, non solo in molte chitarre elettriche, ma anche nelle chitarre archtop. La maggior parte delle archtop molto ambite nell’ età del jazz, come la Gibson L-5 e l'Epiphone Emperor, avevano manici in acero così come fondo e fasce, il che è rimasto uguale per la maggior parte delle archtop realizzate da costruttori contemporanei. L’acero è anche utilizzato per i manici di alcune chitarre acustiche flattops, di solito solo su modelli che hanno anche fondo e fasce in acero, ma ci sono eccezioni.

Molti produttori americani di chitarre di fasce di prezzo più basse hanno utilizzato la betulla o l’ontano, tra cui modelli archtop flattop dei giganti di Chicago Kay e Armonia. Altre essenze che sono state utilizzate per i manici su chitarre acustiche includono ciliegio e noce, e con maggiore consapevolezza della necessità di procurarsi legno da altre aree rispetto alle foreste pluviali tropicali, in futuro ci si può aspettare di vedere più varietà di legni utilizzati per i manici.

ww 04

Manico in Hard Rock Maple. FVguitars.


 

Headstock Veneer

La paletta è quasi sempre fatta dello stesso legno del manico, ma spesso viene aggiunta una copertura di legno posta sul lato superiore come abbellimento. Questo è di solito il punto dove viene posto il logo del costruttore, quindi è anche il punto in cui vengono fatti intarsi decorativi in madreperla. Una scelta comune per i copri-paletta (che Martin chiama "headplate") è il palissandro.

Anche l’ebano è un'altra scelta popolare dal momento che spesso corrisponde al legno utilizzato per la tastiera. Alcuni costruttori preferiscono utilizzare un copri-paletta che corrisponde alla parte posteriore della chitarra, a volte vedrete il KOA sulla paletta di una chitarra in KOA, per esempio.

Il copri-paletta aggiunge forza al manico, nel punto in cui cambia l’angolazione, dietro il capotasto, e alcuni liutai ne aggiungono una ulteriore sul retro per avere maggiore rafforzamento.

L'uso di un "backstrap", come questa piastrina aggiuntiva viene spesso chiamata, è stato comunemente trovato sui banjo e nei mandolini realizzati alla fine del 1800, ma la pratica si diffuse pure nelle chitarre, infatti si trova in molte Gibson, tra cui nelle archtop moderne.

ww 05

Copripaletta in Ebano Africano. FVguitars.

ww 06

Copripaletta in Bubinga Pommele. FVguitars


 

 Fingerboard Wood

Naturalmente una parte molto importante del manico, e forse importante come il manico stesso, è la tastiera.

Questo è il punto in cui le dita della mano passano più tempo, e la sua superficie è soggetta ad usura a causa delle corde nonché delle unghie, per questo motivo sono scelti dei legni molto duri e durevoli.

L’ Ebano è il legno favorito, infatti tradizionalmente quasi tutte le chitarre acustiche di fascia alta sono state costruite con la tastiera in ebano. Ma questo non significa che gli altri legni non siano adatti.

Il palissandro è un altro legno generalmente utilizzato, e Martin in particolare, ha sperimentato con un certo numero di essenze per le tastiere, come Katalox (noto anche come ebano messicano).

Nelle chitarre elettriche di successo (per primo Fender, per esempio) troviamo le tastiere in acero, soprattutto ”l’ hard-maple” dal Nord America, questo è un altro esempio di scelte collaudate che possono essere riesaminate come alternative a i legni esotici che continuano a diminuire in tutto il mondo.

Il nostro comune utilizzo dell’ebano, che viene di solito dall’ Africa o dall’India, è stato comprovato, però l'imprevedibilità dei governi e delle leggi dei paesi in cui questi alberi hanno origine è un altro fattore, quindi non stupitevi quando vedrete altri legni duri sotto i tasti delle chitarre che sono state a lungo associate all’ ebano.

ww 07

Tastiere in Ebano e Palissandro.National Reso-Phonic Guitars.

ww 08

Tastiera in Pau Ferro. FVguitars.


 

Bridge Wood

Sulle chitarre acustiche, i ponticelli sono di solito della stessa specie di legno duro utilizzato per la tastiera, ma questo non è vero nelle chitarre classiche, dove i ponticelli sono generalmente in legno di palissandro.

I Battipenna in legno non sono poi così comuni, in particolare su chitarre di produzione industriale.

Si trovano a volte su chitarre personalizzate impiallacciature sottili di legni duri, colorati e figurati.

ww 09

Tastiera e Ponticello in Ebano Macassar. FVguitars.


 

Braces and Other Internal Parts

Una volta che ci spostiamo all'allestimento interno delle chitarre acustiche, il numero di specie di legno diventa più limitato. La struttura interna delle chitarre acustiche è stata a lungo dominata da Abete e Mogano.

L’ Abete è usato per rinforzare le tavole (catene) per lo stesso motivo per cui è il legno primario utilizzato per le tavole armoniche: ha circa il più alto rapporto resistenza-peso di qualsiasi altro legno. Molti liutai fanno lo sforzo in più, in termini di spesa, con l’ utilizzo dell’abete Adirondack per le catene, anche su chitarre con tavole che non sono in abete, perché l’Adirondack è conosciuto per quello che Bob Taylor chiama il suo tono "elastico".

Il Mogano è utilizzato per i due blocchi interni (zocchette) in parte perché si lavora bene ed è estremamente stabile, ma anche perché i liutai comprano un sacco di mogano per i manici e il legno che avanza può essere utilizzato per l’interno della chitarra.

Le controfasce, le strisce seghettate che forniscono una superficie di incollaggio per collegare le tavole della chitarra alle parti posteriori delle fasce, sono di solito realizzate in mogano. Viene utilizzato anche il tiglio per la sua leggerezza. Santa Cruz Co. utilizza il tiglio, mentre Martin utilizza il cedro spagnolo, che probabilmente è ciò che dà il suo aroma unico quando si mette il naso nella la buca.

Un ultimo piccolo ma non insignificante pezzo di legno duro è il sotto-ponte. Una piastrina piatta sottile incollata all'interno della cassa in corrispondenza del ponticello.

Viene solitamente scelto un pezzo di legno duro come l’acero, circa dello stesso spessore del fondo, perché deve sostenere i dadi delle corde soggetti a forte tensione (nelle chitarre acustiche 80/85 Kg).

Anche le chitarre acustiche con ponti senza pins (Lowdens, per esempio), hanno un sotto-ponte per ragioni strutturali, invece strumenti con tensione delle corde molto più bassa, come ad esempio le chitarre classiche flamenco, spesso non lo hanno.

ww 10

Catene in Abete Sitka (Nord America). Contofasce in Tiglio. Sotto-ponte in Koa. Zocchette in Acero. FVguitars.

ww 11

Zocchetta di fondo in Mogano Honduras. Zocchetta di testa in Acero. FVguitars.

ww 12

Sotto-ponte in Palissandro Brasiliano. FVguitars.


 

 Binding and Decorative Elements

Se il numero di specie di legni utilizzati in ruoli strutturali all’interno delle chitarre è limitato, è vero il contrario per la parte esterna.

Il binding (filetti), posti in corrispondenza degli spigoli della cassa, insieme agli intarsi decorativi posti di fianco (purfling), sono comunemente in legno. Anche se i produttori di chitarre acustiche hanno usato celluloide o altro materiale plastico per decenni, quello in legno è diventato uno standard nella configurazione attuale della sei corde.

I filetti servono a proteggere i bordi della chitarra, quindi la scelta più frequente è un legno duro e resistente come il palissandro o l’acero. Ma i liutai hanno molte altre opzioni, alcune delle quali colorate, come il Bloodwood o il Koa figurato.

Anche se i filetti di plastica avevano sostituito quasi tutte le decorazioni in legno per le chitarre costruite nel Nord America dal 1950, vi è stato un ritorno allo stile precedente, e gli intarsi in legno posti accanto agli spigoli oggi sono molto più comuni di quanto non lo fossero 25 anni fa.

Il “purfling” si trovata intorno al perimetro della parte superiore (appena all'interno del binding) spesso vengono fatti assemblando legni naturali delle più svariate tonalità di colore, a volte tali colori vengono ottenuti con dei coloranti. Ciò è particolarmente visibile nelle rosette delle chitarre classiche, a volte molto complesse nelle loro figurazioni.

In molte delle chitarre moderne più costose vengono intarsiati dei filetti di Abalone. Sono chiamati “Zipflex”. Delle piccole piastrine di abalone inserite in una striscia di gomma. Questo rende l’abalone flessibile alle curve del body.(n.d.r.)

ww 13

Binding in Acero. Purfling b/w. FVguitars.

ww 14

Vari tipi di Purfling. FVguitars.

ww 15

Binding in Acero. Zipflex. FVguitars


 

 Bridge Pins

Come per i ponticelli, l’ ebano e il palissandro sono i legni più comuni per la costruzione dei piroli. Sono disponibili altri legni con bei colori e belle venature, come quelli in Bloodwood, in bosso, o in uno dei palissandri più colorati, il Cocobolo. Molte nuove chitarre costruite dai produttori più importanti vengono fornite con i bridge pins in plastica o celluoloide.

In questo articolo abbiamo menzionato i legni più comunemente utilizzati sulle chitarre acustiche e qualche alternativa, me è facile trovare nuove chitarre acustiche che contengono altri tipi di legni non citati.

ww 17

Piroli in Ebano con dot in abalone. FVguitars.


 

 

Articolo di RICHARD JOHNSTON cofounded Gryphon Stringed Instruments with Frank Ford in 1969. A contributing editor to Acoustic Guitar since its inception, he has also written books on Martin guitars and is a musical instruments appraiser for Antiques Roadshow on PBS.

Pubblicato su “Acoustic Guitar” N. Giugno 2013

 

Top Ukulele Sites


Learning Ukulele 50 Sites

 

Sarò lieto di risponderti!

Mi puoi contattare tramite la Pagina Contatti.

fv

Francesco Verginelli
info@fvguitars.com
Il mio indirizzo
Roma

wood data

UkuleleHunt

gotaukulele

youkulele

face  twi  google  ytube 
©2017 - FVguitars.com. All Rights Reserved. Designed By Francesco Verginelli

Search